CIRCOLARE MENSILE 
MARZO 2002

Definitiva l'introduzione dell'euro quale "moneta unica"
A partire dal 1° marzo cessa di avere corso legale nello stato la "vecchia" lira, diventando l'Euro l'unica moneta utilizzabile per le transazioni di qualsiasi natura. 
Fino al 30 giugno sarà ancora possibile comunque cambiare presso gli sportelli bancari le lire. Le banconote e le monete non cambiate entro tale data, potranno essere convertite fino al 28 febbraio 2012 presso tutte le filiali della Banca d'Italia.

Versamento delle ritenute e dei contributi INPS
Scade lunedì 18 marzo 2002 il termine per il versamento delle ritenute alla fonte effettuate con riferimento al mese di febbraio, nonché dei contributi INPS dovuti dai datori di lavoro. 

Contributi dovuti alla gestione separata INPS 
Si ricorda che sempre il 18 marzo scade anche il termine per il versamento del contributo alla gestione separata INPS sui compensi corrisposti nel mese di febbraio relativamente a rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.
Si ricorda che dal 1° gennaio 2002 è aumentata dal 13 al 14% l'aliquota INPS applicabile ai contribuenti iscritti alla gestione separata INPS che sono privi di altra copertura assicurativa o che non sono pensionati; l'aliquota contributiva è rimasta al 10% per i soggetti coperti da altra forma assicurativa, compresi i pensionati.

Versamento delle ritenute applicabili alle provvigioni
Sempre il 18 marzo 2002 scade il termine per effettuare il versamento delle ritenute applicabili alle provvigioni. L'aliquota applicabile è pari al 18%.
Si ricorda che la ritenuta fiscale si calcola sul 50% delle provvigioni, ovvero sul 20% delle medesime qualora i soggetti che si avvalgono in via continuativa dell'opera di dipendenti o di terzi abbiano richiesto al committente, entro il 31 dicembre 2001, l'applicazione della ritenuta in misura ridotta.

Versamenti Iva
Scade lunedì 18 marzo 2002, il termine di versamento dell'Iva a debito eventualmente dovuta per il mese di febbraio, per i contribuenti che effettuano la liquidazione mensilmente.

Versamento dell'Iva a saldo dovuta in base alla dichiarazione annuale
Entro il prossimo 18 marzo 2002 i contribuenti che hanno un debito di imposta relativo all'anno 2001, risultante dalla dichiarazione annuale, devono versare il conguaglio annuale dell'Iva. Si ricorda che il versamento si esegue utilizzando il codice tributo 6099. La scadenza riguarda sia i contribuenti tenuti a presentare la dichiarazione in via autonoma che gli altri contribuenti tenuti alla dichiarazione unificata. Per questi ultimi, tuttavia, il versamento può essere effettuato anche entro il più lungo termine previsto per il pagamento delle somme dovute in base alla dichiarazione unificata, maggiorando gli importi da versare degli interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese a decorrere dal 18 marzo. Tutti i contribuenti (dichiarazione in forma autonoma o unificata) possono scegliere di pagare il saldo Iva ratealmente, versando la prima rata entro il 18 marzo; le rate successive devono essere aumentate dello 0,50% per mese o frazione di mese, a titolo di interessi.

Versamento tassa di concessione governativa per l'anno 2002
Le società di capitali (Srl, Spa e S.a.p.a, escluse le società cooperative e le società di mutua assicurazione) devono versare la tassa annuale di concessione governativa per la numerazione e la bollatura dei libri e dei registri entro il termine di versamento dell'imposta sul valore aggiunto dovuta per l'anno precedente, vale a dire il 18 marzo 2002 La tassa è stabilita nella misura forfetaria di:

  • Euro 309,87 (pari a lire 600.000), se il capitale o il fondo di dotazione è inferiore o uguale, alla data del 1° gennaio, ad Euro 516.456,90 (un miliardo di lire);

  • Euro 516,46 (pari a lire 1.000.000), se il capitale o il fondo di dotazione è superiore, alla data del 1° gennaio, ad Euro 516.456,90 (un miliardo di lire).

Il pagamento deve essere effettuato tramite l'utilizzo del Mod.F24, indicando il codice tributo 7085.

Presentazione elenchi INTRASTAT relativi al mese di febbraio
Scade il 20 marzo 2002 il termine per presentare all'Ufficio doganale competente per territorio l'elenco riepilogativo degli acquisti e delle cessioni intracomunitarie effettuate nel mese di febbraio. Sono tenuti all'adempimento i soggetti passivi Iva che effettuano scambi di beni comunitari (beni originari degli stati UE o in libera circolazione UE) con soggetti Iva di altri stati membri che hanno realizzato nell'anno solare precedente cessioni intracomunitarie superiori a 300 milioni e/o acquisti superiori a 200 milioni.
Per coloro che iniziano l'attività di scambi intracomunitari nel 2002, la periodicità è rapportata all'ammontare degli scambi che gli stessi operatori presumono di realizzare nello stesso anno.

Presentazione dichiarazione periodica Iva
Scade martedì 2 aprile 2002 il termine per la trasmissione telematica della dichiarazione periodica Iva relativa al quarto trimestre 2001, per tutti i contribuenti trimestrali. 

Versamento dei contributi ENASARCO al fondo indennità risoluzione rapporto di agenti e rappresentati
Scade martedì 2 aprile 2002 il termine per il versamento delle somme dovute dalle Ditte proponenti all'ENASARCO per il Fondo Indennità Risoluzione Rapporto degli Agenti (FIRR) sulle provvigioni maturate nel corso dell'anno precedente.
Il versamento deve essere effettuato con bollettino postale intestato a ENASARCO, versamenti Firr, Via A. Usodimare 31, 00154 Roma:

  • per le ditte con più agenti, accreditando il c/c postale n. 28871002;

  • per le ditte con un solo agente accreditando il c/c postale n. 22178008.

Presentazione del modello GLA anno 2001
Scade martedì 2 aprile 2002 il termine di presentazione delle denuncie dei compensi corrisposti ai collaboratori coordinati e continuativi nell'anno 2001 (modello GLA), a cura dei soggetti committenti. Tale termine si riferisce alle presentazioni effettuate su modelli cartacei, mentre per la presentazione tramite supporti magnetici (floppy disk) o tramite Internet la scadenza è il 30 aprile 2002. 

Consegna delle certificazioni sui redditi 2001
Si ricorda che entro il 2 aprile 2002 i sostituti di imposta devono procedere alla consegna della certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente e assimilati corrisposti nel 2001, delle ritenute d'acconto operate, delle detrazioni effettuate nonché dei dati relativi alla contribuzione previdenziale e assistenziale versata o dovuta all'INPS, all'INPDAI e all'INPDAP utilizzando l'apposita modulistica (CUD 2002).
Entro lo stesso termine i sostituti d'imposta devono presentare idonea certificazione per i redditi diversi da quelli rientranti nel modello CUD (quali ad esempio i compensi erogati a professionisti ed agenti).

Spedizione dei questionari per gli studi di settore (1° invio 2002) per i modelli cartacei
Scade martedì 2 aprile 2002 il termine per l'invio tramite posta ordinaria dei nuovi questionari per l'elaborazione degli studi di settore predisposti su modelli cartacei. Per i soli contribuenti della provincia di Bolzano il termine è fissato al 30 aprile 2002.
Si ricorda che, nel caso di invio telematico dei modelli, i contribuenti hanno un mese di tempo in più per la trasmissione (30 aprile 2002; 31 maggio per i contribuenti della provincia di Bolzano).

Nuova black list: individuati gli Stati e territori a regime fiscale privilegiato
E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell'Economia e Finanze che disciplina l'indeducibilità delle spese e degli altri componenti negativi derivanti da operazioni poste in essere con imprese domiciliate in Stati o territori aventi regime fiscale privilegiato (di cui si fornisce di seguito l'elenco), ai fini dell'applicazione dell'art. 76 c. 7-bis del Tuir (D.M. 23/01/02, G.U. 4/02/02, n.29).

Stati o territori aventi regime fiscale privilegiato

Alderney (Is.del Canale) Grenada  Libano Samoa
Andorra Guatemala Liberia Saint Lucia
Antille Olandesi Guernsey (Is.del Canale) Liechtenstein St. Vincent e Grenadine
Aruba Herm (Isole del Canale) Macao Sant'Elena
Bahamas Hong Kong Maldive Sark (Isole del Canale)
Barbados Isola di Man  Malesia Seychelles
Barbuda Isole Cayman Montserrat Singapore
Belize Isole Cook Nauru Tonga
Bermuda Isole Marshall Niue Tuvalu (ex Isole Ellice)
Brunei Isole Turks e Caicos  Nuova Caledonia Vanuatu
Cipro Isole Vergini britanniche Oman Bahrein (1)
Filippine Isole Vergini USA Polinesia francese Emirati Arabi Uniti (2)
Gibilterra Jersey (Is. del Canale) Saint Kitts e Nevis Kuwait (3)
Gibuti Kiribati (ex Is. Gilbert) Salomone Monaco (4)
1) con esclusione delle società che svolgono attività di esplorazione, estrazione e raffinazione nel settore petrolifero; 2) con esclusione delle società operanti nei settori petrolifero e petrolchimico assoggettate ad imposta; 3) con esclusione delle società con partecipazione straniera superiore al 47% se soggette ad imposizione con le aliquote previste dall'Amiri Decree n. 3 del 1955 o superiore al 45% se soggette ad imposizione con le aliquote previste dalla locale legge n. 23 del 1961, sempre che tali società non usufruiscano dei regimi agevolati previsti dalle locali leggi n. 12 del 1998 e n. 8 del 2001; 4) con esclusione delle società che realizzano almeno il 25% del fatturato fuori dal Principato. 

 

Affrancamento del valore delle partecipazioni
L'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito alle disposizioni riguardanti la rideterminazione dei valori di acquisto delle partecipazioni in società non quotate. In sostanza, la disposizione normativa in commento consente ai contribuenti che detengono titoli, quote o diritti, che non siano negoziati nei mercati regolamentati, di "rideterminare" i valori di acquisto degli stessi alla data del 1° gennaio 2002, e di utilizzare i valori "rideterminati" ai fini del calcolo delle plusvalenze tassabili.
Il suddetto valore, determinato in relazione alla frazione del patrimonio netto della società rappresentativa della partecipazione, risultante da apposita perizia di stima, deve essere assoggettato ad imposta sostitutiva del 4 o del 2 per cento a seconda che si tratti o meno di partecipazioni qualificate. Nella citata circolare vengono forniti chiarimenti in merito:

  • all'ambito soggettivo di applicazione della norma;

  • all'ambito oggettivo;

  • alle modalità di determinazione del costo o del valore di acquisto della partecipazione;

  • alle modalità di pagamento dell'imposta sostitutiva;

  • alla determinazione delle successive plusvalenze.

Primi chiarimenti sulla finanziaria 2002
L'Agenzia delle Entrate ha fornito i primi chiarimenti in ordine ad alcune disposizioni contenute nella legge finanziaria 2002. In particolare, vengono prese in considerazione le disposizioni riguardanti:

  • le modificazioni alla disciplina dell'IRPeF per le famiglie;

  • la rivalutazione dei terreni;

  • la proroga a tutto il 2002 della detrazione di imposta del 36% sulle ristrutturazioni immobiliari e la proroga al 31/12/2002 dell'applicazione dell'aliquota IVA al 10%;

  • la proroga anche per il 2002 del regime IVA speciale per l'agricoltura;

  • l'adeguamento spontaneo in dichiarazione ai maggiori ricavi derivanti dall'applicazione degli studi di settore;

  • la definizione delle liti fiscali e la regolarizzazione degli omessi versamenti in materia di imposta sugli spettacoli e dei tributi connessi;

  • la proroga dell'agevolazione sui redditi di lavoro dipendente prestato dai frontalieri.

Attribuzione di servizi propri ai dipendenti: fringe benefit
L'Agenzia delle Entrate ha precisato che in caso di attribuzione a prezzi ridotti da parte di una società ai propri dipendenti dei servizi prodotti dalla stessa società, la differenza tra valore del servizio offerto e il corrispettivo pagato dal dipendente rappresenta un fringe benefit tassabile ai sensi dell'art. 48, c. 1 del Tuir (R.M. 18/01/02, n.13).

Collaborazioni coordinate e continuative: quietanze soggette all'imposta di bollo
L'Agenzia delle Entrate ha precisato che i contratti di collaborazione coordinata e continuativa sono esenti dall'imposta di bollo, indipendentemente dalla qualità del datore di lavoro o dalla natura della prestazione convenuta, mentre le quietanze relative ai compensi corrisposti agli stessi collaboratori per le prestazioni rese sono soggette all'imposta di bollo nella misura di Euro 1,29 (Lire 2.500) per importi superiori ad Euro 77,47 (Lire 150.000) (R.M. 5/02/02, n.36).

Valori bollati in Euro dal 1° marzo 2002
L'Agenzia delle Entrate ha emesso un comunicato stampa per precisare che dal 1° marzo 2002 potranno essere utilizzati soltanto valori bollati, comprese le marche per atti giudiziari e i diritti di cancelleria, con la doppia indicazione "lire/euro" o quelli unicamente in euro.

In arrivo altri 14 studi di settore
La Commissione degli esperti, nell'ambito delle sue specifiche competenze ha validato 14 nuovi studi di settore riguardanti complessivamente 42 attività destinate tra i seguenti settori:

  • settore commercio (commercio ingrosso di medicinali, di orologi, ecc.)

  • professionisti (medici e studi veterinari)

  • servizi (elaborazione dati, installazione di pc, trasporti, ecc.)

  • manifatture (lavorazione vetro, edizione di riviste, ecc.)

Questi nuovi studi di settore saranno operativi dal 2002, con riferimento al periodo di imposta 2001.
Di seguito si fornisce l'elenco delle attività interessate:

Commercio 51.46.1 Commercio all'ingrosso di medicinali
51.46.2 Commercio all'ingrosso di articoli medicali ed ortopedici
51.47.5 Commercio all'ingrosso di orologi e gioielleria
52.48.C Commercio al dettaglio di fiori, piante e sementi
Professionisti 85.12.1 Studi medici generici convenzionati con il s.s.n.
85.12.2 Altri studi medici generici
85.12.4 Studi di radiologia e radioterapia
85.12.A Prestazioni sanitarie svolte da chirurghi
85.12.B Studi medici e poliambulatori specialistici
85.20.0 Studi veterinari
Servizi 72.10.0 Consulenza per l'installazione di elaboratori elettronici
72.20.0 Fornitura di software e consulenza in materia di informatica
72.30.0 Elaborazione elettronica dei dati
72.40.0 Attività delle banche dati
72.50.0 Manutenzione e riparazione di macchine per ufficio e di elab. elett.
72.60.1 Servizi di telematica, robotica, eidomatica
72.60.2 Altri servizi connessi all'informatica
60.25.0 Trasporto di merci su strada
63.11.3  Movimento merci relativo a trasporti terrestri
63.12.1 Magazzini di custodia e deposito
63.40.1 Spedizionieri e agenzie di operazioni doganali
63.40.2 Intermediari dei trasporti
64.12.0  Attività di corriere diverse da quelle postali nazionali
45.31.0 Installazioni di impianti elettrici
45.32.0 Lavori di isolamento
45.33.0 Installazione di impianti idraulico-sanitari
45.34.0 Altri lavori di installazione
45.42.0 Posa in opera di infissi in legno o in metallo
Manifatture 26.12.0 Lavorazione e trasformazione del vetro piano
26.15.1 Lavorazione e trasformazione del vetro cavo
26.15.2 Lavorazione e trasformazione del vetro a mano e a soffio
26.15.3  Fabbr. e lavorazione di altro vetro (vetro tecnico e industriale per altri lavori)
22.11.0 Edizione di libri, opuscoli, libri di musica ed altre pubblicazioni
22.13.0 Edizione di riviste e periodici
22.15.0 Altre edizioni
22.22.0 Altre stampe di arti grafiche
22.23.0 Rilegatura e finitura di libri
22.24.0 Composizioni e fotoincisioni
22.25.0 Altri servizi connessi alla stampa
27.21.0 Fabbr. di tubi di ghisa
27.31.0 Stiratura a freddo
27.32.0  Laminazione a freddo di nastri
27.33.0 Profilatura mediante formatura e piegatura a freddo
27.34.0 Trafilatura
27.35.0 Altre attività di prima trasformazione del ferro e dell'acciaio n.c.a.
27.51.0 Fusione di ghisa
27.52.0  Fusione di acciaio
27.53.0 Fusione di metalli leggeri
27.54.0 Fusione di altri metalli non ferrosi
21.21.0 Fabbr. di carta e cartoni ondulati e di imballaggi di carta e cartone
21.23.0 Fabbr. di prodotti cartotecnici
21.25.0 Fabbr. di altri articoli di carta e cartone n.c.a. 

 

Proroga per "scudo fiscale" e "sommerso"
E' stato approvato dal Consiglio dei Ministri un decreto legge che prevede, tra l'altro:

  • il differimento dal 28 febbraio al 15 maggio 2002 del termine per il rimpatrio o la regolarizzazione dei capitali detenuti all'estero;

  • la proroga dal 30 giugno al 30 novembre 2002 del termine per l'emersione del lavoro sommerso (D.L. 14 febbraio 2002).

Insegne di esercizio: esente da imposta fino a 5 metri
Il dipartimento per le Politiche fiscali del Ministero dell'economia e delle finanze ha fornito alcuni chiarimenti in ordine alle disposizioni relative all'imposta comunale sulla pubblicità ed al diritto sulle pubbliche affissioni. Con riferimento, in particolare, all'esenzione dal tributo per le insegne di esercizio di superficie complessiva fino a 5 metri quadrati, viene precisato che il predetto limite dimensionale va considerato come misura da computare in diminuzione ad un'eventuale superficie imponibile superiore. Così, ad esempio, se nel complesso delle insegne di esercizio esposte, la superficie imponibile risulta di 9 metri quadrati, il soggetto passivo dovrà pagare il tributo commisurandolo alla superficie di 4 metri quadrati.

Disponibili in bozza Unico 2002 società di persone, di capitali e persone fisiche
Sul sito www.agenziaentrate.it sono disponibili, in bozza, i modelli Unico 2002 società di persone, (Unico2002 - SP), società di capitali (Unico2002 - SC) e persone fisiche (Unico2002 - PF) con le relative istruzioni di compilazione. Inoltre, per tutti i predetti soggetti, sono disponibili anche le bozze dei modelli Irap 2002. I modelli sono stati predisposti in duplice versione grafica (di colore azzurro quella in euro e di colore verde quella in lire), mentre le istruzioni sono uniche per la compilazione di entrambe le versioni e sono di colore azzurro.

Contributo atti giudiziari: approvato il modello di comunicazione versamento
E' stato pubblicato sulla G.U. il provvedimento con il quale l'Agenzia delle entrate ha approvato il modello per la comunicazione del versamento del contributo unificato per le spese degli atti giudiziari. Sul modello la rivendita di generi di monopolio e di valori bollati dovrà apporre il contrassegno, comprovante l'avvenuto pagamento del contributo unificato, nei casi in cui, ai fini della costituzione in giudizio, le parti non debbano depositare la nota di iscrizione a ruolo o altro atto equipollente (Agenzia entrate, provvedimento 12/02/02, G.U. 16/02/02, n.40).

Via libera alla Comunitaria 2001
E' stato definitivamente approvato il disegno di legge recante le "disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alla Comunità europea - Legge Comunitaria 2001". Con il disegno di legge, il Governo viene delegato ad emanare, entro il termine di un anno dalla data di entrata in vigore del provvedimento, i decreti legislativi attuativi di 58 direttive europee (Legge Comunitaria 2001).

Unità immobiliari adibite ad abitazione principale: non cumulabili detrazioni locazione e cambio residenza
Secondo l'Agenzia delle entrate, il contribuente in possesso dei requisiti previsti dalla legge, non può cumulare, pur possedendo i requisiti richiesti, la detrazione a favore del soggetto titolare di un contratto di locazione "concordato" e la detrazione prevista per il lavoratore dipendente che trasferisce la residenza nel comune di lavoro e nei comuni limitrofi. Lo stesso contribuente dovrà quindi scegliere di far valere in dichiarazione quella ad egli più favorevole (R.M. 14/02/02, n.44).

In luogo dell'Iva il contribuente può cedere al fisco beni culturali
I contribuenti possono assolvere il pagamento totale o parziale dell'Iva dovuta mediante cessione allo Stato di beni culturali. Rispondendo positivamente alla proposta di cedere un immobile, dichiarato di interesse culturale ai sensi della L. n.1089/1939, a fronte di un debito per Iva per gli anni d'imposta 1995 e 1996, l'Amministrazione finanziaria ha infatti ricordato che le disposizioni contenute nell'art.28-bis del Dpr n.602/73 si applicano esclusivamente alle entrate tributarie dello Stato e quindi sia all'Iva che ad altre somme dovute a titolo di tributo dello Stato (R.M. 15/02/02, n.43).

Le modalità di tenuta del registro dei depositi Iva
L'Agenzia delle entrate ha precisato che il registro dei depositi Iva non è più soggetto all'obbligo di vidimazione e bollatura. Resta fermo, invece, l'obbligo di numerazione progressiva delle pagine che lo compongono, secondo le modalità chiarite dalla circolare n.92 del 22 ottobre 2001 (R.M. 18/02/02, n.47).

Risolti alcuni dubbi sulla registrazione telematica dei contratti di locazione
A seguito di quesiti pervenuti all'Amministrazione finanziaria sulle modalità di registrazione telematica dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili, l'Agenzia delle entrate è intervenuta per fornire alcuni chiarimenti. E' stato tra l'altro precisato che l'attuale modalità di registrazione telematica è limitata ai nuovi contratti, sottoposti per la prima volta a registrazione, e che negli altri casi si dovrà operare con le modalità tradizionali sia per la registrazione che per il pagamento delle imposte, da effettuare utilizzando il modello F23 (R.M. 20/02/02, n.52).

Istat: comunicato l'indice dei prezzi al consumo del mese di gennaio
L'Istat ha reso noto l'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, relativo al mese di gennaio 2002. La variazione dell'indice rispetto a quello del corrispondente mese dell'anno precedente è pari al 2,3%.

Nuova disciplina in materia di contribuzione per i soci lavoratori di cooperative: precisazioni dell'INPS e dell'INAIL
L'INPS e l'INAIL hanno fornito le prime disposizioni in merito alla nuova disciplina, in materia di contribuzione previdenziale e assistenziale per i soci lavoratori di cooperative, introdotta con decreto legislativo n. 423 del 6 novembre 2001 che ha delineato un nuovo quadro normativo in materia di soci lavoratori di cooperative e che disciplina il percorso di graduale equiparazione della contribuzione versata per i lavoratori soci delle cooperative a quella prevista per i lavoratori dipendenti da imprese in genere.

Retribuzioni convenzionali per lavoro dipendente svolto all'estero: determinati i valori imponibili per l'anno 2002
Il Ministero del Lavoro ha fissato, per l'anno 2002, gli importi delle retribuzioni convenzionali per i lavoratori italiani occupati all'estero.
Tali valori dovranno essere prese a base per il calcolo dei contributi dovuti per le assicurazione obbligatorie dei lavoratori italiani operanti all'estero e per il calcolo delle imposte sul reddito da lavoro dipendente (Ministero del Lavoro Decreto 6/02/2002 G.U. 13/02/2002 n. 37).

Minimali e retribuzioni convenzionali: diffusi dall'INPS gli importi validi per il 2002
L'INPS ha provveduto a determinare, per l'anno 2002, il limite minimo di retribuzione giornaliera e ad aggiornare i valori per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza e assistenza sociale.
In particolare sono resi noti gli importi:

  • dei minimali di retribuzione per la generalità dei lavoratori;

  • delle retribuzioni convenzionali in genere;

  • del minimale di retribuzione oraria per i lavoratori a tempo parziale;

  • della quota di retribuzione soggetta all'aliquota aggiuntiva dell'1 per cento;

  • del massimale annuo della base contributiva e pensionabile;

  • del limite per l'accredito dei contributi obbligatori e figurativi;

  • del contributo apprendisti.

L'Istituto fornisce altresì istruzioni per la regolarizzazione relativa al mese di gennaio 2002, che dovrà essere effettuato entro il periodo paga in scadenza il 16 maggio 2002.

Aggiornamento della tabella codici sede INPS per i versamenti con modello F24
L'Agenzia dell'Entrate ha provveduto ad informare che è stata aggiornata la tabella codici sede INPS per i versamenti con modello F24.
In particolare, sono state inserite le sedi di Jesi, Fermo, Ariano Irpino, Gioia del Colle, San Lazzaro di Savena, Merano, Manerbio, Chiari, Quartu Sant'Elena, Termoli, Caltagirone, Vasto, Cantù, Paola, Castrovillari, Mondovì, Scandicci, Sesto Fiorentino, San Severo, Terracina, Santa Teresa di Riva, Barcellona Pozzo di Gotto, Vimercate, Melegnano, Sassuolo, Giugliano, Cittadella, Vigevano, Foligno, Fano, Melfi, Modica, Lugo, Palmi, Locri, Guastalla, Monterotondo, Anzio, Palestrina, Olbia, Manduria, Orbassano, Chieri, Chivasso, Cervignano del Friuli, Chioggia, Mestre1 e Legnago (Agenzia delle Entrate Nota 14/02/2002).

TFR: indice di rivalutazione anno 2002
Il coefficiente di rivalutazione per la determinazione del trattamento di fine rapporto, maturato nel periodo compreso tra il 15 gennaio 2002 e il 14 febbraio 2002, è pari a 0,448276.
L'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, relativo al mese di gennaio 2002, diffuso dall'ISTAT con comunicato del 22 febbraio 2002, è pari a 116,5 (ISTAT Comunicato 22/02/2002 sito www.istat.it).

Per ulteriori informazioni in merito rivolgersi allo Studio.