CIRCOLARE MENSILE LAVORO
GIUGNO 2007

Con la presente circolare mensile, lo studio desidera informare e aggiornare i signori clienti in merito alle recenti novità normative in materia di lavoro e in campo previdenziale.
Riportiamo di seguito per vostra conoscenza una selezione delle recenti variazioni legislative e degli interventi ministeriali o da parte degli istituti, ricordandovi che lo studio è a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti e approfondimenti.

Coinvolgimento dei lavoratori nelle società cooperative europee.
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.85 del 12 aprile 2007, il D.Lgs. n.48 del 6 febbraio 2007, il quale completa lo statuto delle società cooperative europea per quanto riguarda il coinvolgimento dei lavoratori.
Tale decreto prevede tutta una serie di obblighi di informazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori per mezzo di organi di rappresentanza.
Sull’ultimo punto si sottolinea che il decreto prevede l’istituzione di una delegazione speciale di negoziazione nei casi di società cooperativa europea costituite da almeno due entità giuridiche o mediante trasformazione e viene previsto l’obbligo di segreto e riservatezza per i membri della delegazione.

Approvato dal Governo il disegno di legge sulla sicurezza.
Il Consiglio dei Ministri nella seduta n.46 del 13 aprile 2007 ha approvato il disegno di legge, che dovrà passare al vaglio del Parlamento prima dell’approvazione, con il quale si conferisce al governo stesso la delega per l’emanazione di un Testo Unico per il riassetto e l’aggiornamento della normativa in materia di sicurezza e igiene sul lavoro. Tale Testo Unico apporterà anche degli aggiornamenti alla normativa e colmerà dei vuoti legislativi, in particolare: 

  • vengono applicate anche ai lavoratori “parasubordinati”, le tutele per la sicurezza, tali lavoratori vengono considerati beneficiari di tutela in quanto semplicemente presenti in un ambiente di lavoro di cui il datore abbia la disponibilità, indipendentemente dal tipo di contratto o dal titolo per cui prestano opera;
  • modulazione delle sanzioni per mancato rispetto delle norme in funzione del rischio e determinazione delle sanzioni penali dell’arresto e dell’ammenda in caso di infrazioni che ledano gli interessi generali dell’ordinamento;
  • rafforzamento del ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale, in un contesto che renderà possibile affrontare i problemi connessi alle modalità di elezione, di svolgimento del mandato e la formazione dello stesso;
  • valorizzazione e incoraggiamento di accordi aziendali, codici di condotta e “buone prassi” che orientino utilmente i comportamenti dei datori di lavoro;
  • revisione della materia degli appalti con miglioramento dell’efficacia della responsabilità solidale fra appaltante e appaltatore.

Auto in uso promiscuo ultimi chiarimenti sulla tassazione.
L’Agenzia delle Entrate, con circolare n.21/E del 17 aprile 2007, chiarisce la previsione agevolativa che consente di effettuare il versamento degli acconti considerando il coefficiente inferiore del 30%, anziché 50%, debba trovare applicazione anche nei confronti dei percettori di reddito di lavoro dipendente ed assimilato.
Per l’anno 2007 il sostituto d’imposta deve calcolare le ritenute con coefficiente del 30% da applicare all’importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio indicato dalle tabelle nazionali predisposte periodicamente dall’ACI; ed anche in sede di trattenute previdenziali, il sostituto d’imposta dovrà calcolare la base imponibile previdenziale del fringe benefit relativo all’utilizzo promiscuo del veicolo, calcolando il coefficiente del 30%.
L’Agenzia chiarisce, come ultimo concetto, che le maggiori ritenute eventualmente effettuate nei primi mesi del 2007 (calcolate applicando il coefficiente del 50%) possono essere recuperate nel corso del 2007, ovvero, qualora ciò comporti difficoltà operative per il sostituto d’imposta, in sede di conguaglio di fine anno.

Le indicazioni dell’INPS per l’indennità di malattia dei parasbordinati.
L’INPS fornisce le prime indicazioni operative per il riconoscimento del diritto all’indennità di malattia ai lavoratori iscritti alla Gestione Separata (collaboratori a progetto e non) purché non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria e non titolari di pensione.
Come previsto dalla Finanziaria il lavoratore dovrà:

  • inviare al datore di lavoro e all’INPS il certificato medico entro 2 giorni dal rilascio;
  • rendersi reperibile nelle fasce orarie previste per le visite fiscali dei lavoratori dipendenti;
  • inviare la domanda di indennità all’INPS corredata del Copia del/i contratto/i di lavoro stipulati nei 12 mesi precedenti l’inizio della malattia; copia delle dichiarazioni fiscali (modello Cud, modello 770) delle dichiarazioni del committente attestanti i compensi percepiti e la contribuzione accreditata e versata.

La circolare comunica anche gli importi giornalieri che verranno corrisposti, che sono i seguenti: 

  • euro 9,55 (4%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 3 a 4 mensilità di contribuzione;
  • euro 14,33 (6%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 5 a 8 mensilità di contribuzione;
  • euro 19,11 (8%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 9 a 12 mensilità di contribuzione.

Da modificare la Bossi Fini sull’immigrazione.
Il Consiglio dei Ministri nella Seduta del 24 aprile 2007 n.47 ha approvato uno schema di disegno di legge (c.d. Amato-Ferrero) che conferisce la delega al Governo per la modifica della disciplina dell’immigrazione e delle norme sulla condizione dello straniero (la c.d. Bossi–Fini). 
Tale delega ha come principali punti di intervento:

  • la promozione dell’immigrazione regolare attraverso misure dirette a facilitare l’incontro fra domanda e offerta di lavoro e l’integrazione rendendo effettivo il sistema dei rimpatri degli stranieri irregolari nel pieno rispetto dei diritti umani e della dignità della persona;
  • la predisposizione di liste di lavoratori stranieri nei Paesi di origine, con la collaborazione delle Autorità dei medesimi Paesi e di enti a carattere internazionale o associazioni umanitarie;
  • l’ingresso per ricerca di lavoro con prestazione di garanzia da parte di Regioni, enti locali, associazioni imprenditoriali, professionali e sindacali, istituti di patronato e, con maggiori limitazioni, da parte di privati;
  • viene prevista la possibilità di ingresso per ricerca di lavoro anche allo straniero in possesso di adeguate risorse finanziarie (sistema dell’autosponsor).

Tale riforma prevede di agevolare l’entrata degli stranieri altamente qualificati eliminando il contratto di soggiorno e allungando i termini di validità dei permessi di soggiorno, compreso quello rilasciato al lavoratore straniero per attesa di occupazione in caso di cessazione del rapporto di lavoro.
Decade altresì il sistema dei flussi annuali sostituito dalla programmazione triennale.
Infine gli stranieri in possesso della carta di soggiorno (dopo 5 anni di permanenza in Italia) potranno votare e candidarsi alle elezioni amministrative.

Pubblicato lo sgravio per l’edilizia.
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.95 del 24 aprile 2007 il decreto del 5 marzo 2007, con il quale è stato confermato lo sgravio pari all’11,50 % per il settore delle costruzioni edili per l’anno 2006, già anticipato con nota dell’INAIL del 9 marzo 2007 n.2730.
Anche l’INPS, con circolare n.87 del 17 maggio 2007, rende nota la conferma per l’anno 2006 della riduzione contributiva per il settore edile sulle quote diverse da quelle del FPDL.
La riduzione pari all’11,50% - sulla parte di contribuzione a carico dei datori di lavoro, esclusa quella di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, e si applica ai soli operai occupati con un orario di lavoro di 40 ore settimanali; non spetta, quindi, per gli operai occupati con contratto di lavoro a tempo parziale. L’Istituto ricorda che per accedere al beneficio bisogna:

  • non avere condanne passate in giudicato per violazione di norme in materia e salute e sicurezza sui luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente all’anno di applicazione dell’agevolazione:
  • essere in possesso dei requisiti di regolarità contributiva per la parte riguardante la Cassa Edile.

La conferma delle aliquote delle addizionali comunali è tacita.
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con nota di protocollo n.8591 del 20 aprile 2007, rende noto che per i comuni che abbiano deliberato l’aumento o la conferma dell’aliquota delle addizionali dopo il 29 settembre 2002, in base alla Legge Finanziaria 2007 tali delibere precedentemente sospese sono oggi applicabili, per cui in automatico dovranno essere applicate per il 2007 le aliquote deliberate.
Il Ministero chiarisce che nel caso in cui il comune non intenda variare la misura dell’aliquota dovrà procedere ad una nuova deliberazione. 

INPS: chiarimenti sul versamento della quota di TFR.
L’INPS, con messaggio n.10577 del 26/04/2007, integrando quando già indicato con la circolare n.70/07, ha fornito ulteriori chiarimenti sulle quote di TFR da versare al Fondo di Tesoreria.
Tra le altre cose l’Istituto, allineandosi a quando indicato dalla Covip nella delibera del 21/03/2007, rileva che ai fini dell’individuazione della quota TFR conta la data di compilazione dei modelli TFR1 e TFR2.
Tale chiarimento risolve la difficoltà che poteva sorgere in caso di mancata coincidenza della data indicata sui modelli di scelta con quella di ricezione da parte del datore.

Show folcloristici senza contributi ENPALS.
L’ENPALS, con circolare n.6 del 20 aprile 2007 fornisce dei chiarimenti circa l’esonero contributivo previsto dalla Legge Finanziaria 2007 per le prestazioni lavorative rese nell’ambito di spettacoli musicali finalizzati alla celebrazione di tradizioni popolari e folcloristiche, da giovani fino a diciotto anni, studenti, pensionati e coloro che svolgono un’attività lavorativa per la quale sono già tenuti al versamento dei contributi ai fini della previdenza obbligatoria, a condizione che la retribuzione annua lorda percepita per tali esibizioni non superi l’importo di 5.000,00 euro.
In particolare l’Ente chiarisce che i requisiti soggettivi devono essere controllati dai promotori dell’evento, e che ove nel corso dell’anno solare si sia superato il predetto limite reddituale, i rispettivi datori di lavoro o committenti saranno tenuti ad assolvere, per la quota di reddito eccedente il limite di 5.000,00 euro, agli adempimenti contributivi ed informativi conformemente alle norme ordinarie, tale obbligo avrà come conseguenza che se il datore di lavoro non è iscritto all’ENPALS dovrà procedere all’iscrizione e se il lavoratore allo stesso modo non è iscritto la loro immatricolazione sarà effettuata, sempre nell’ambito delle operazioni di denuncia contributiva, utilizzando le funzionalità previste dalle procedure telematiche.
Per i datori di lavoro che organizzano eventi rientranti nella fascia di esenzione si avranno le seguenti conseguenze:

  • viene meno l’obbligo dell’iscrizione all’ENPALS; 
  • non vige l’obbligo del possesso del certificato di agibilità;
  • non sussiste l’obbligo di presentare all’ENPALS la denuncia dei lavoratori occupati e le relative variazioni;
  • non si applicano le disposizioni riguardanti il rilascio del certificato di agibilità.

Comunicazioni obbligatorie in agricoltura.
L’Inps, con circolare n.80 del 27 aprile 2007, rende noto che, con riferimento ai nuovi obblighi di comunicazione di instaurazione, cessazione e trasformazione dei rapporti di lavoro così come previsti dalla Finanziaria 2007, nel settore dell’agricoltura sarà possibile effettuare tali comunicazioni con due modalità:

  • trasmissione telematica, da parte dei soggetti autorizzati, del file contenente i rapporti di lavoro di una o più Aziende;
  • acquisizione on-line, da parte dei soggetti autorizzati, dei rapporti di lavoro, distintamente per ciascuna Azienda.

I moduli utilizzabili sono i seguenti: “Modello RI_Ord”, utilizzabile dalle Aziende che abbiano prescelto il Registro di Impresa ordinario; “Modello RI_Sempl”, utilizzabile dalle Aziende che abbiano prescelto il Registro di Impresa semplificato.
L’Istituto sottolinea che il registro d’impresa continua ad assolvere le funzioni di libro matricola, paga e presenze.

Rimodulati gli ANF per i nuclei familiari con componenti inabili.
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.105 datata 8 maggio 2007 il decreto del 7 marzo 2007 che rivede gli importi degli assegni al nucleo familiare per i nuclei che abbiano al loro interno un soggetto inabile.
In particolare il decreto sottolinea come sia stato rilevato che l'effetto della rideterminazione delle tabelle, così come prevista dalla Finanziaria 2007 comporta una disparità di trattamento, tale per cui, in relazione ad alcuni livelli di reddito, il nucleo familiare con componenti inabili (tabb. 14 e 15) percepisce un assegno inferiore a quello del nucleo familiare senza componenti inabili (tabb. 11 e 12).
Per ripianare questa disparità il decreto stabilisce che a decorrere dal 1° gennaio 2007, l'assegno per il nucleo familiare per i nuclei con entrambi i genitori o con un solo genitore e con almeno un figlio minore, che includono soggetti inabili, non può essere inferiore, a parità di reddito e di composizione numerica, a quello corrisposto agli equivalenti nuclei che non includono soggetti inabili.

Agenti di commercio e incaricati alle vendite.
Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, con interpello n.16 datato 11 maggio 2007, chiarisce che nel caso di incaricato alla vendita abituale, il quale non assume nei confronti dell’impresa alcun obbligo vincolante di svolgere attività promozionale e non gode, nello svolgimento della propria attività, dell’esclusiva di zona, né è soggetto a vincoli di durata della prestazione e/o di raggiungimento di risultati di vendita, e verificato l’effettivo svolgimento dell’attività lavorativa, il venditore potrà legittimamente essere inquadrato quale incaricato abituale alla vendita, senza la necessità di ricorrere ad un contratto di agenzia, con conseguente obbligo di versamento contributivo alla Gestione separata INPS.

Antiriciclaggio: pubblicato il decreto. 
È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.107 del 10 maggio 2007 il decreto n.60 del 10 aprile 2007 che modifica il D.M. n.141 del 3 febbraio 2006, recante disposizioni in materia di obblighi di identificazione, conservazione delle informazioni ai fini dell’antiriciclaggio e segnalazione delle operazioni sospette a carico degli avvocati, notai, dottori commercialisti, revisori contabili, società di revisione, consulenti del lavoro, ragionieri e periti commerciali.
In particolare, viene precisato che nella definizione di libera professione devono essere ricompresi anche i soggetti che svolgono tale attività in forma societaria o associativa e che gli obblighi per l’antiriciclaggio devono essere assolti anche da ogni altro soggetto che rende i servizi forniti da revisori contabili, periti, consulenti ed altri soggetti che svolgono in maniera professionale attività in materia di contabilità e tributi.
Tali indicazioni ampliano la platea dei soggetti sottoposti agli obblighi per l’antiriciclaggio anche a: CED, Associazioni di categoria che prestano servizi di assistenza contabile, CAF, tributaristi consulenti contabili e tributari indipendentemente dall’iscrizione all’Albo.

Nuova iscrizione per le cooperative edili.
Il Ministero dello Sviluppo Economico, ha diffuso il nuovo fac-simile di domanda per l’iscrizione all’Albo Nazionale delle Società cooperative Edilizie di Abitazione e dei loro Consorzi, scaricabile dal seguente link http://www.cslavoro.it/archivio/fonti/fonte19_07f04.doc

Nuovo verbale di revisione nelle cooperative.
Il Ministero dello sviluppo Economico rende noto che è stato emanato il decreto ministeriale del 12 aprile 2007 che apporta delle modifiche in materia di vigilanza per le cooperative.
La nota ricorda le principali novità approvate: 

  • nuovo modello di verbale di revisione;
  • nuova modulistica per l’attività di vigilanza;
  • modello tipo per la dichiarazione sostitutiva ex art.6 del D.Lgs. n.220/02.

Tale nuova modulistica verrà utilizzata a partire dal prossimo mese di giugno.

Incentivi per artigiani che assumono.
Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e Italialavoro, con avviso del 2 maggio 2007, rendono noto che è possibile accedere ai finanziamenti del Progetto Artigiani che eroga:

  • 400 contributi fino ad un massimo di € 5.000,00 (distribuiti in parti uguali tra i territori) finalizzati all’assunzione di lavoratori a tempo indeterminato, pieno o parziale, o con contratto di apprendistato (minimo 36 mesi) da parte di imprese artigiane;
  • contributi finalizzati alla prestazione di servizi di consulenza specialistica e/o assistenza tecnica a favore di imprese artigiane. Il contributo non potrà avere un valore superiore a € 7.500,00 per azienda e per un massimo di 400 aziende (50 per ogni area di riferimento).

Le domande dovranno essere presentate dal 2 maggio al 15 giugno 2007 utilizzando il modulo reperibile sul sito Internet del Progetto:
http://www.italialavoro.it/wps/portal/artigiani/AvvisoImprese

Dichiarazione dei redditi termini prorogati.
L’Agenzia delle Entrate, con comunicato stampa del 7 maggio 2007, rende noto che il Governo si appresta ad emanare un decreto di proroga dei termini di presentazione delle dichiarazioni dei redditi.
Il calendario delle scadenze è così rimodulato:

  • al 15 giugno 2007 è prorogato il termine per prestare l’assistenza fiscale mediante l’accettazione del modello 730;
  • resta fissa al 2 luglio la scadenza per le persone fisiche non Iva che presentano la dichiarazione modello Unico cartacea a banche e Posta, ferma restando la facoltà per detti contribuenti di avvalersi del più ampio termine del 31 luglio previsto per l’invio telematico;
  • resta fissa al 31 luglio la scadenza per l’invio telematico del modello Unico da parte di persone fisiche non Iva, soggetti non partecipanti a società di persone, ad associazioni professionali e a società di capitali per trasparenza;
  • slitta al 10 settembre il termine del 31 luglio per l’invio telematico di Unico da parte di società di capitali, soggetti equiparati, enti non commerciali, nonché per i predetti soggetti, con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare, per i quali il termine ordinario scade nell’arco temporale tra il 1° maggio 2007 e il 9 settembre 2007;
  • slitta al 25 settembre il termine del 31 luglio per l’invio telematico di Unico da parte di persone fisiche titolari di redditi d’impresa, di lavoro autonomo e di partecipazione, e da parte di società di persone, associazioni tra artisti e professionisti, società semplici e soggetti equiparati.

Al via le ispezioni sulle collaborazioni.
Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, con nota di protocollo n.25/II/5407, in seguito alla scadenza stabilita al 30 aprile 2007 per porre in essere la procedura di stabilizzazione avvierà nei prossimi mesi le ispezioni sulle collaborazioni nei call center che non hanno aderito al condono previsto dalla Finanziaria.

Nuove modalità per le comunicazioni di inizio attività.
L’Agenzia delle Entrate, con circolare n.27 datata 11 maggio 2007, fornisce dei chiarimenti circa la modalità di compilazione dei Modelli AA7/8 e AA9/8 da utilizzare per le dichiarazioni di inizio attività, variazione dati e cessazione attività ai fini dell'imposta sul valore aggiunto.
La circolare chiarisce che le specifiche informazioni che i contribuenti Iva devono fornire in occasione della richiesta del numero della partita Iva dovranno essere fornite soltanto qualora al momento della richiesta il soggetto sia in grado di poter fornire i dati sopraccitati.

Deducibilità del personal computer: i chiarimenti dell’Agenzia.
L’Agenzia delle Entrate, con risoluzione n.104/E del 17 maggio 2007, in risposta ad un interpello di un professionista, chiarisce che sono deducibili nella percentuale ridotta dell’80%, come previsto dall’art.54, co.3-bis del Tuir, solo le spese sostenute per l’acquisto del modem ovvero del router ADSL (ed eventualmente per l’acquisto del software specifico), mentre i costi relativi al personal computer saranno dedotti secondo i criteri generali che sovrintendono alla formazione del reddito d’impresa o professionale.

Utilizzo residuo ferie 2005 entro il 30 giugno 2007
D
ata l’ormai vicinanza del periodo estivo, vogliamo ricordare ai Signori clienti che in base alla disciplina sull’orario di lavoro, (decreto legislativo n. 66/2003 così come modificato dal decreto legislativo n. 213/2004) il prestatore di lavoro ha diritto ad un periodo annuale di ferie non inferiore a quattro settimane, salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva che può prevedere un periodo maggiore.

Prestazioni di malattia dei collaboratori
A seguito alle previsioni della Finanziaria 2007 ai soggetti iscritti alla Gestione separata, compresi i collaboratori coordinati e continuativi quelli a progetto, è stato esteso il diritto alle prestazioni di malattia a carico dell’INPS, che verranno liquidate per un importo pari al 50% della prestazione già prevista per i ricoveri ospedalieri; pari ai seguenti importi: 

  • euro 9,55 (4%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 3 a 4 mensilità di contribuzione;

  • euro 14,33 (6%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 5 a 8 mensilità di contribuzione;

  • euro 19,11 (8%), se nei 12 mesi precedenti l’evento risultano accreditate da 9 a 12 mensilità di contribuzione.

Tutela malattia "collaborazione coordinata"
Ai lavoratori in forza all’azienda con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, a progetto che a partire dal primo gennaio 2007 è stata estesa la tutela per malattia prevista per gli altri lavoratori.

Per ulteriori informazioni in merito rivolgersi allo Studio.